Un Architetto in cucina in giro per l'Italia e non solo...

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Se siete in Valle d’Aosta non potete assolutamente perdere una cena al Ristorante La Gabella a Jovençan. A pochissimi minuti da Aosta, siamo catapultati in un luogo magico, che trova le sue radici dans le Pays Des Anciens Remèdes. Jovençan è per l’appunto il “paese degli antichi rimedi”, incastonato tra vigneti e meleti, racconta la sua storia attraverso antiche usanze e tradizioni curative naturali legate alle piante officinali.

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi – Foto sito web Les Plaisir d’Antan

Ed è proprio questo il fil rouge che ha creato Alex Réan, chef del Ristorante La Gabella: unire la cucina tradizionale valdostana ed alpina all’uso innovativo e contemporaneo delle erbe e fiori commestibili.

In un’antica stalla del 1600, sapientemente restaurata, è ubicato il Ristorante La Gabella. Il Ristorante fa parte del Relais Les Plaisir d’Antan, un posto magico che vanta una delle più belle Spa della zona di Aosta, ma ve ne parlerò nei prossimi articoli!

Intanto vi racconto della cena dal carattere alpino che lo Chef Rèan ha pensato per me. Come vi dicevo, lo Chef del Ristorante La Gabella ha saputo trovare un fil rouge che lega la tradizione dei piatti valdostani e la tradizione delle erbe selvatiche di Jovençan.

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi – Foto sito web Les Plaisir d’Antan

Ma partiamo dall’accoglienza: Vanessa, che gestisce e coordina sia il ristorante, che il bar, è stata perfetta, gentile, professionale e mai invadente. Una vera padrona di casa, che tutti i giorni svolge il suo lavoro con estrema passione e professionalità. Vanessa si occupa anche della gestione della Spa e del Relais, sentitela ed organizzate una magica fuga d’amore!

Il responsabile di sala, Edoardo, ci ha coccolati per tutta la serata con estrema disponibilità ed eleganza, si nota che ama il suo lavoro e che ogni giorno lo svolge con passione.

Edoardo ci ha proposto di bere per tutto il pasto un vino che ho amato ed apprezzato in modo particolare: Heritage di Lo Triolet. Syrah e Fumin per questo vino valdostano dal rosso rubino e dai profumi intensi e persistenti. Con una gradazione del 15,5% viene giustamente definito “l’Amarone Valdostano”. In effetti non vi nascondo che a fine serata mi sentivo allegra e felice, beh merito non solo del vino, ma di tutta l’atmosfera che si respirava alla Gabella.

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Iniziamo la cena con due antipasti, diversi tra loro, ma entrambi gustosissimi. Come sapete adoro le lumache, se le trovo in menù le prendo volentieri e qui al Ristorante La Gabella sono sempre in Carta. Dunque le ho ordinate alla parigina, ed erano come me le aspettavo, morbide, tenerissime, saporite e soprattutto bollenti! La salsa era perfetta: burro, prezzemolo, aglio e scalogno, tutto dosato alla perfezione, saporita, ma non invadente.

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

L’altro antipasto era da finire tutto d’un fiato! E ci ho fatto pure la scarpetta! Tsii Salèie (carne salata) con crema di acciughe e sedano bianco. La carne era un burro, tenerissima e morbida al palato, salata al punto giusto. Lo chef Rèan la prepara personalmente, la marina con erbe e sale per una giornata intera almeno. La salsa alle acciughe risulta equilibrata e la freschezza del sedano e la croccantezza dei germogli contribuisce a bilanciare la sapidità e la consistenza.

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Continuiamo la degustazione con due primi molto interessanti. Un risotto agli agrumi mantecato alla burrata vaccina e gocce di Refly di Jovençan. Un risottino che non avrei mai smesso di mangiare! Vi capita mai di mangiare qualcosa e sperare che non finisca mai? Un pò come capita quando baci un uomo che ti piace proprio tanto. Profumato, delicato, soave, che sa di estate.. parlo del risotto eh!

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

L’altro primo era la Favò, una zuppa tipica valdostana a base di fave, fontina, salsiccia, cubetti di pane di segale. Una zuppa che mangio sempre molto volentieri, adoro la freschezza e dolcezza delle fave in contrasto con sapori più decisi. La cosa più divertente di mangiare la favò è leccare sempre il dorso del cucchiaio, dove ad ogni boccone si attacca la fontina filante… ahh la bellezza delle piccole cose..

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

I secondi che abbiamo degustato sono il Filetto di maiale lardellato, al “miele” di fiori di tarassaco e il petto d’anatra con glassa al the verde. Due secondi dove si legge chiaramente l’intenzione dello chef nel ricercare il sapore autentico del prodotto alpino e l’utilizzo creativo delle erbe spontanee. Il Filetto di maiale, di giusta cottura, viene esaltato dalla dolcezza del “miele” di tarassaco, particolare per le sue note erbacee.

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Il petto d’anatra mi ha stupita, in positivo naturalmente.La dolcezza della carne d’anatra e l’amaro della glassa al the verde si compensano in un’esplosione di sapori ed aumentano la salivazione e la voglia di finire il piatto. La carne d’anatra e la sua cottura erano perfette.

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Terminiamo la cena con una strepitosa degustazione di dessert. Qui vi devo fare una confidenza… shh però non ditelo a nessuno! Ho dimenticato di fare le foto dei dessert, erano talmente invitanti che ho cominciato ad affondare il cucchiaino e nel giro di 10 minuti li ho finiti tutti!!

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

Ristorante La Gabella e i sapori delle Alpi

In ordine, ho spazzolato: torta mele e cannella con salsa tiepida alla calendula, panna cotta al mango, semifreddo ai frutti di bosco, crema di Cogne ed infine il mio preferito in assoluto, un tiramisù alla tisana des Anciens Remèdes.

Non vi ho fatto venire voglia di scoprire un posticino nuovo? Atmosfera magica e cena strepitosa qui al Ristorante La Gabella con tutti sapori delle Alpi.

Qui vi lascio tutti i contatti

Indirizzo: 44, Hameau Le Clou 11020 JOVENÇAN Aosta – Valle d’Aosta

Telefono: 0165 251660

E-mail: info@lagabellajovencan.com

 

Un architetto in cucina

Un architetto in cucina

 

Se la mia recensione ti è piaciuta puoi seguirmi anche sulla pagina Facebook Un Architetto in Cucina oppure su instagram, twitter, google+, linkedin, e pinterest.

Per collaborazioni scrivimi: maripisacane.arch@gmail.com

Invece se hai domande o ti servono consigli puoi lasciare un commento qui sotto, ti risponderò con molto piacere.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

CONSIGLIA Torta di mais