Il cibo nel mondo/ La natura in cucina/ Le mie ricette/ Secondi/ Secondi di pesce

Bocconcini di Rana Pescatrice in panatura croccante su fonduta di Toma Valdostana stagionata

I Bocconcini di Rana Pescatrice in panatura croccante su fonduta di Toma Valdostana stagionata sono ormai il mio cavallo di battaglia. E’ il mio piatto preferito in assoluto in quanto coniuga perfettamente gli equilibri della cucina napoletana e i sapori e gli ingredienti valdostani. Questo piatto rappresenta la mia vera essenza, la mia personalità.

Sempre sul filo del rasoio, tra mare e montagna, tra caldo e ghiaccio, tra amore e passione..

Il debutto di questo piatto è stato per un Contest molto interessante organizzato qui in Valle d’Aosta, il Master Food Blogger. Una cena completa per circa 80 persone, in un ristorante di Aosta, affiancata da un bravissimo Chef dell’Unione Cuochi vda, Piero Billia.

Una bellissima esperienza e soprattutto un’enorme soddisfazione: mi hanno tutti fatto i complimenti per questo secondo piatto, e dunque l’ho rifatto talmente tante volte, ad occhi chiusi!!

Bocconcini di Rana Pescatrice in panatura croccante su fonduta di Toma Valdostana stagionata

Bocconcini di Rana Pescatrice in panatura croccante su fonduta di Toma Valdostana stagionata

Lo so, lo so, parlo decisamente troppo!! Voi volete gli ingredienti e saper come si prepara questa delizia! Avete ragione, eccovi accontentati!

Ingredienti per 4 persone:

600 gr di rana pescatrice

pan grattato q.b.

1 uovo

olio per friggere q.b.

sale e pepe q.b.

Per la fonduta:

25 gr farina

25 gr burro

350 gr latte intero

180 gr toma

sale e pepe q.b.

Per le chips di cavolo nero:

Cavolo nero (1 mazzo)

Olio extra vergine di oliva (2-3 cucchiai)

sale e pepe q.b.

Paprika dolce (1 cucchiaino scarso)

Partiamo dalla preparazione delle chips.

Lavate le foglie di cavolo nero ed asciugatele. Se avete delle foglie particolarmente grandi, allora eliminate la parte finale, dove vedete che l’anima è troppo spessa. Per quelle piccole, lasciatele pure intere.

Coprite una teglia da forno con della carta e stendete le foglie di cavolo in un unico strato. Versate l’olio e mescolate per bene con le mani, le foglie dovranno essere unte da tutti i lati. Spolverate con la paprika dolce, il sale e il pepe.

Cuocere in forno ventilato preriscaldato a 160° per circa 15 minuti o quando sentirete le foglie croccanti.

Potrete prepararle sia all’ultimo momento, vista la velocità di preparazione oppure in anticipo poiché si mantengono croccanti.

Passiamo alla preparazione della Fonduta.

Per prima cosa bisogna preparare il roux. Il roux bianco è utilizzato per addensare le salse bianche, come ad esempio la besciamella. Per preparare il roux bianco mettete il burro a sciogliere in una casseruola a fuoco basso per circa 1 minuto in modo da far evaporare la parte acquosa, nel frattempo setacciate la farina e quando il burro sarà completamente sciolto aggiungetelo in pentola.

Dopo aver fatto il roux aggiungere il latte caldo e far cuocere circa 10 minuti o cmq fino a quando non addensa e si fa cremoso.

Aggiungere la toma e farla sciogliere lentamente. Servire calda.

Terminiamo le preparazioni con la cottura dei bocconcini di rana pescatrice.

Tagliate la rana pescatrice a tocchetti della dimensione di 3-4 centimetri, ricordando di creare tutti i bocconcini pù o meno uguali, in modo che la cottura in forno sia uniforme.

Impanate i bocconcini prima nell’uovo e poi nel pangrattato. Se volete ottenere una panatura più consistente e croccante ripetete l’operazione di panatura ancora una volta.

Scaldate dell’olio per friggere in una grossa pentola e quando sarà arrivato alla temperatura giusta immergere i bocconcini di rana pescatrice, pochi alla volta, in modo da farli dorare e cuocere per bene. Basteranno 2-3 minuti di cottura, ve ne accorgerete dalla doratura della panatura.

Bocconcini di Rana Pescatrice in panatura croccante su fonduta di Toma Valdostana stagionata

Bocconcini di Rana Pescatrice in panatura croccante su fonduta di Toma Valdostana stagionata

Impiattiamo!

Fornitevi di un bel piatto leggermente fondo, riempire con qualche cucchiaio di fonduta di Toma Valdostana, adagiare i bocconcini panati e decorare con le chips di cavolo nero.

Buon appetito!

Un architetto in cucina

Un architetto in cucina

Potete seguirmi anche sulla pagina Facebook Un Architetto in Cucina oppure su instagramtwitter, google+, linkedin e pinterest.

Invece se avete domande o vi servono consigli potete lasciare un commento qui sotto, vi risponderò con molto piacere.

 

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

CONSIGLIA Fluffosa al Cappuccino